Casale Cento Corvi

Una storia antica fatta di vino etruschi e mare

Accarezzati dal vento marino e protetti dalle colline alle spalle dell’azienda, i nostri vigneti sono dislocati in punti ideali del territorio Cerite, là dove ogni vitigno possa trarre il meglio per posizione ed esposizione.

I 16 ettari dell’azienda sono compresi nel Comune di Cerveteri, a 40 km da Roma, in un luogo dove natura e storia si intrecciano creando scorci di particolare suggestione. Furono gli Etruschi a rendere Cerveteri, l’antica Kaysra, o come la chiamavano i Romani Caere, una metropoli di fondamentale importanza e un polo nevralgico della rete di itinerari marittimi del Mediterraneo antico. A loro si deve anche l’aver intrecciato il legame tra questo territorio e le vite che continuiamo a preservare ancora oggi.

La nostra storia di vignaioli corre negli anni fino a comprendere tre generazioni. È stato nostro padre Fiorenzo Collacciani a voler mettere in bottiglia il lavoro fatto nei vigneti già a partire da zio Etterino. Era il 2001. Credeva, e crede ancora, fermamente in questa nostra terra che vira dal vulcanico all’argilloso e offre una dimora ideale alla vite.

Casale Cento Corvi un nome che viene dal passato

La cantina deve il suo nome a un vetusto casale costruito dai Principi Orsini intorno al 1400, sopra un antico tempio etrusco posto sulla strada di collegamento tra Cerveteri e Pyrgi. Utilizzato come granaio, attirava i famelici uccelli neri  da cui è derivato l’appellativo che si è esteso all’intera zona.